Romina Carrisi scatena l'ira su Fiorello dopo il parto: l'attacco che fa tremare tutti

Uno scontro social tra Romina Carrisi e Fiorello ha acceso l'attenzione dei fan. Il motivo? Il nome del suo neonato, Axel Lupo, che ha scatenato le ironie dello showman e la risposta piccata di Romina. Scopriamo i dettagli!

La figlia di Al Bano e Romina Power, Romina Carrisi, non ha preso affatto bene le battute di Fiorello sul nome del suo primogenito, Axel Lupo. La notizia della nascita del bambino ha scatenato diverse reazioni sui social media, tra cui quella dell'irriverente Fiorello durante il suo show a VivaRaiDue!.

Fiorello ironizza sul nome Axel Lupo

Durante la trasmissione, Fiorello ha fatto il paragone tra la scelta di Romina e quella di Chiara Nasti, influencer e compagna del calciatore Mattia Zaccagni, che avrebbe pensato di chiamare la sua futura figlia Barbie. Questo ha dato l'occasione allo showman di ironizzare anche sul nome di Axel Lupo, generando l'irritazione di Romina Carrisi.

Fiorello nel suo stile unico e inconfondibile, ha affermato: "La Nasti vorrebbe chiamarla Barbie, ma nessuno approva. Vi prego, pensateci bene. Lo sai chi è il ginecologo? Ken. Tra i possibili altri nomi anche Kimberly e Jennifer: ma dei nomi normali? Assunta, Valentina, Susanna. È nato anche il nipote di Al Bano, lo hanno chiamato Axel Lupo! Pensa se incontra Nathan Falco. Mai uno che chiama una figlia Blatta! Ti immagini? Blatta, Blattina… gli amici la chiamerebbero Blatty".

La risposta di Romina Carrisi

Romina Carrisi non ha preso bene le battute di Fiorello e ha deciso di replicare tramite una Story su Instagram. L'accusa? Cattivo gusto e bullismo. Secondo la neo mamma, prendere in giro il nome di un neonato non è divertente, ma solo una forma di bullismo. "Prendere in giro il nome di un bambino appena nato lo trovo di cattivo gusto. Si… certo… si fa per ridere ma questo è puro bullismo non sano umorismo. Forse da piccolo hanno preso in giro te e Catena per i vostri nomi e questo da neomamma mi dispiace. Baci e buon Sanremo. Mio figlio sta benissimo".

La risposta di Romina Carrisi ha suscitato diverse reazioni tra i suoi fan, che hanno espresso il loro sostegno alla neo mamma.

La nascita di Axel Lupo

Axel Lupo è nato mercoledì 24 gennaio in una clinica romana. Il padre, Stefano Rastelli, è un regista con diverse esperienze televisive. La storia tra Romina Carrisi e Stefano è iniziata circa due anni fa durante le registrazioni di un programma televisivo ed è diventata una bellissima famiglia.

La questione del nome di Axel Lupo continua a suscitare curiosità e reazioni contrastanti. L'unico modo per vedere come si evolverà questa storia è attendere e rimanere aggiornati sulle ultime notizie dal mondo del gossip!

E tu, cosa ne pensi di tutto questo? Come ti sentiresti se il nome che hai scelto per tuo figlio fosse preso in giro in televisione? La scelta del nome di un bambino è un diritto inalienabile dei genitori o ci sono dei limiti da rispettare?

Romina Carrisi scatena l'ira su Fiorello dopo il parto: l'attacco che fa tremare tutti
Romina Carrisi scatena l'ira su Fiorello dopo il parto: l'attacco che fa tremare tutti


"Un nome, che cosa c'è in un nome? Quello che chiamiamo rosa, con un altro nome, avrebbe lo stesso dolce profumo." Questa celebre riflessione di Shakespeare, tratta da "Romeo e Giulietta", ci ricorda quanto sia arbitrario e, allo stesso tempo, significativo il potere dei nomi. La scelta di Romina Carrisi e Stefano Rastelli di chiamare il loro figlio Axel Lupo ha suscitato ironie e sarcasmi, ma anche un'inaspettata controversia con Fiorello. La reazione di Romina, che parla di "bullismo" e non di "sano umorismo", solleva una questione delicata: dove tracciamo la linea tra la libertà di espressione e il rispetto verso gli altri, soprattutto quando si tratta di scelte personali come il nome di un bambino? La vicenda ci invita a riflettere sulla responsabilità delle parole nel dominio pubblico e sul potere che esse hanno di ferire, ancor più in un'epoca dominata dai social media, dove ogni commento può diventare virale e sfuggire al controllo dell'autore. Forse è giunto il momento di riconsiderare il nostro approccio alla satira e al dibattito pubblico, valorizzando l'empatia e la comprensione reciproca più delle risate a buon mercato.

Lascia un commento