Mario Biondi torna sulla scena del Pistoia Blues Festival 2024: ecco i primi nomi rivelati

Preparatevi per un'estate musicale indimenticabile: il Pistoia Blues Festival 2024 sta per fare il suo ritorno, e le anticipazioni promettono un evento imperdibile per tutti gli amanti della buona musica!

Pistoia Blues Festival 2024: prime anticipazioni

Il 11 luglio 2024 si svolgerà la nuova edizione dell'attesissimo Pistoia Blues Festival, un evento che ogni anno fa vibrare l'Italia con le note dei più grandi artisti del panorama musicale. L'adrenalina sale, soprattutto quando arrivano le prime anticipazioni direttamente dagli organizzatori. E tra i primi nomi annunciati, ci sono già delle sorprese.

Mario Biondi torna a Pistoia

Una delle novità più entusiasmanti è il ritorno di Mario Biondi, celebre cantante italiano noto per la sua voce potente e il suo inconfondibile stile. Dopo la sua ultima esibizione a Pistoia nel lontano 2010, Biondi torna con un nuovo spettacolo, "Crooning - The Italian Tour", che promette di essere un'esperienza unica. Con un'orchestra di 18 musicisti che suoneranno senza amplificazione, Mario Biondi offrirà al pubblico un concerto intimo e suggestivo, arricchito dalle melodie dei suoi più grandi successi riarrangiati con l'aggiunta di archi, flauti e tamburi. E non mancheranno nemmeno alcuni brani del suo ultimo album "Crooning Undercover", pubblicato nel 2023.

Dee Dee Bridgewater, la regina del jazz

E non è finita qui, perché un'altra grande star della musica si unirà al Pistoia Blues Festival: Dee Dee Bridgewater, icona indiscussa del jazz, tre volte vincitrice dei Grammy Awards. Conosciuta in tutto il mondo per la sua voce potente e la sua presenza scenica, Dee Dee Bridgewater ha collaborato con artisti del calibro di Ray Charles e la nostra Giorgia, dimostrando un'incredibile versatilità. E ora ha scelto il Pistoia Blues Festival per celebrare le radici del blues e del jazz.

Le corde magiche di Matteo Mancuso e Mark Lettieri

Ma le sorprese non finiscono qui. Il 12 luglio sarà la volta di due virtuosi della chitarra: Matteo Mancuso e Mark Lettieri. Mancuso, acclamato da leggende della chitarra come Steve Vai e Dweezil Zappa, è considerato uno dei migliori chitarristi della sua generazione. Lettieri, membro degli Snarky Puppy, è noto per il suo stile fusion e jazz e ha suonato con artisti del calibro di David Crosby, Kirk Franklin, Eminem e Snoop Dogg.

Rimanete sintonizzati!

Questi sono solo alcuni dei nomi che animeranno il Pistoia Blues Festival 2024. Ma non preoccupatevi, il cartellone si arricchirà di altre star nelle prossime settimane. Quindi, non resta che attendere e prepararsi per un'edizione indimenticabile del festival, che promette grandi emozioni e tanta buona musica.

Il Pistoia Blues Festival è sempre un'occasione unica per godersi la musica di questi talentuosi artisti in un'atmosfera intima e suggestiva. Che emozione scoprire i prossimi nomi che si aggiungeranno al cartellone!

E voi, quale artista sognate di vedere sul palco del Pistoia Blues Festival?

Mario Biondi torna sulla scena del Pistoia Blues Festival 2024: ecco i primi nomi rivelati
Mario Biondi torna sulla scena del Pistoia Blues Festival 2024: ecco i primi nomi rivelati


"La musica è l'armonia dell'universo", così diceva il poeta William Shakespeare, e l'armonia è ciò che si respira all'annuncio della nuova edizione del Pistoia Blues Festival. Quando artisti del calibro di Mario Biondi, Dee Dee Bridgewater, Matteo Mancuso e Mark Lettieri convergono in un'unica piazza, non si può che aspettarsi una sinfonia di emozioni.

La scelta di Biondi di esibirsi senza amplificazione è una dichiarazione d'amore verso la purezza del suono e un invito a riscoprire l'essenza della musica live. È un omaggio alla tradizione, ma anche una sfida moderna che incarna la capacità della musica di adattarsi e rinnovarsi senza perdere la propria anima.

L'arrivo di Dee Dee Bridgewater è un ponte culturale che unisce Pistoia alle radici profonde del blues e del jazz, confermando la portata internazionale del festival e il suo ruolo di ambasciatore culturale. E con i virtuosismi chitarristici di Mancuso e Lettieri, il festival promette di essere un vero e proprio laboratorio sonoro, dove il blues si fonde con il jazz e la fusion per creare qualcosa di unico.

Non solo musica, ma anche condivisione di culture, stili e generazioni: il Pistoia Blues Festival si conferma come un evento che va oltre il semplice ascolto, diventando un'esperienza che arricchisce e ispira. Un appuntamento imperdibile per gli appassionati e una finestra aperta sul mondo per tutti coloro che sono pronti a lasciarsi sorprendere dalle infinite variazioni dell'universo musicale.

Lascia un commento